POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Scelti per voi

Codice dei beni culturali e del paesaggio


Vai allo shop Vai allo shop

14 Giugno 2019

Codice dei beni culturali e del paesaggio

III Edizione

di Maria Alessandra Sandulli, a cura di (€235,00; pagine XXVIII - 1640)

L’Opera, che fa parte della collana Giuffrè Francis Lefebvre “Le fonti del diritto italiano”, fornisce un prezioso strumento di studio, di ricerca e di lavoro completo ed adeguato, segnalando anche ulteriori approfondimenti di specifici profili.

 

La III Edizione. La nuova edizione, a sette anni di distanza dalla seconda, mira a dare una risposta alle problematiche e alle questioni interpretative ancora aperte aventi ad oggetto la disciplina dei beni culturali e del paesaggio, disegnata del Codice di cui al d.lgs. n. 42/2004. Si tratta infatti di un terreno normativo in costante evoluzione, normativa e giurisprudenziale, che ha richiesto un aggiornamento dei singoli contributi del codice, in alcuni casi interamente riscritti.
La nuova Edizione dà conto di tutti gli interventi legislativi rilevanti per la materia, a partire da quelli direttamente modificativi o integrativi del Codice, come quelli riguardanti la soglia di storicità (l. n. 104/2017), il riconoscimento della rilevanza identitaria dei locali storici (l. n. 112/2013), i divieti di uso delle aree pubbliche e il potere-dovere di riesame delle autorizzazioni e concessioni già rilasciate (l. n. 125/2015), i professionisti del settore dei beni culturali (l. n. 110/2014). Vengono però analizzati anche quegli interventi normativi contenuti in testi distinti, come il Codice dei contratti pubblici, la l. n. 241/1990 e il d.P.R. n. 31/2017.