POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PCT - giurisprudenza | 01 Ottobre 2018

La notifica a mezzo PEC e l’obbligo del difensore di comunicare il proprio indirizzo all’Ordine di appartenenza

In tema di notificazione telematica, l’art. 16-sexies d.l. n. 179/2012 dispone che, salvo quanto previsto dall’art. 366 c.p.c., quando la legge prevede che le notificazioni degli atti al difensore vengano eseguite, ad istanza di parte, presso la cancelleria dell’ufficio giudiziario, a tale procedura di notifica si procede solo quando non sia possibile, per causa imputabile al destinatario, effettuarla presso l’indirizzo PEC.  

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 23620/18; depositata il 28 settembre)

Sul punto torna ad esprimersi la Corte di Cassazione con sentenza n. 23620/18; depositata il 28 settembre.   Il caso. Il Tribunale accoglieva l’opposizione proposta da una AUSL avverso il decreto ingiuntivo emesso, ad istanza di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.