POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PAT - giurisprudenza | 03 Luglio 2018

Processo Amministrativo Telematico: ai fini della tempestività del ricorso rileva il giorno e non l’ora

Nel processo amministrativo telematico il deposito si considera perfezionato e tempestivo con riguardo al giorno, senza rilevanza preclusiva dell'orario.

(Consiglio di Stato, sez. IV, sentenza n. 3309/18; depositata il 1° giugno)

Così il Consiglio di Stato con sentenza n. 3309/18, depositata il 1° giugno.

Deposito delle memorie oltre le ore 12 dell’ultimo giorno. Al termine di un giudizio innanzi al TAR Lombardia volto ad ottenere il rilascio di una concessione edilizia, gli appellanti hanno eccepito la tardività del deposito telematico di una memoria effettuato dalla controparte oltre le ore 12 (nello specifico alle ore 17,57) dell’ultimo giorno utile.

Rileva il giorno e non l’ora. Il Consiglio di Stato, rilevando in via preliminare la non tardività del deposito, ha chiarito che «la possibilità di depositare gli atti in forma telematica è assicurata fino alle ore 24 dell’ultimo giorno consentito dall’art. 4, comma 4, delle norme di attuazione del c.p.a. e tale soluzione non contrasta con quanto indicato dell’ultimo periodo della stessa disposizione, secondo cui il deposito degli atti e dei documenti in scadenza effettuato oltre le ore 12 dell’ultimo giorno si considera eseguito il giorno successivo. Questo effetto, posto a garanzia del diritto di difesa delle controparti, significa unicamente che per contrastare gli atti depositati oltre le ore 12 i termini per controdedurre decorrono dal giorno successivo».
Il Collegio, dunque, ammettendo (ai sensi del citato art. 4, comma 4, come modificato dall’art. 7 del d.l. n. 168/2016) il deposito telematico degli atti in scadenza fino alle ore 24 dell’ultimo giorno utile, ha specificato che esso si considera quindi perfezionato e tempestivo con riguardo al giorno, senza che l’ora abbia rilevanza preclusiva.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)