POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 15 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

Diritti dei minori | 31 Marzo 2021

Il Senato approva l’assegno unico universale

di La Redazione

Il disegno di legge delega sull’assegno unico universale ha ricevuto l’approvazione definitiva del Senato nella seduta di ieri con 227 voti favorevoli, nessun voto contrario e 4 astenuti. Il testo, che fa parte del c.d. Family Act, prevede l’erogazione di un contributo mensile per ciascun figlio a carico, fino ai 21 anni di età.

Il disegno di legge delega A.S. n. 1892 - approvato dalla Camera dei deputati il 21 luglio 2020 e trasmesso al Senato che ha dato ieri l’ok definitivo – prevede il riordino, la semplificazione e il potenziamento delle misure a sostegno dei figli a carico attraverso l'istituzione dell'assegno unico e universale.

 

Si tratta, come specifica l’art. 1, comma 1, di un beneficio economico attribuito progressivamente a tutti i nuclei familiari con figli a carico nell'ambito delle risorse disponibili, al fine di favorire la natalità, di sostenere la genitorialità e di promuovere l'occupazione, in particolare femminile. Lo si legge nel dossier di accompagnamento del Senato n. 295 dove viene inoltre specificato che il criterio di gradualità è connesso all'esigenza di conseguire le relative risorse finanziarie.

 

Nello specifico, il testo prevede l’erogazione di un contributo mensile per ciascun figlio a carico fino all’età di 21 anni, parametrato al reddito complessivo della famiglia fino ad un valore massimo di 250 euro. Sono previste delle quote aggiuntive per ogni figlio dopo il primo e in caso di figli con disabilità.

L’entrata in vigore della misura dovrebbe essere prevista dal 1° luglio 2021. Sono però attesi i decreti attuativi.