POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 13 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

adottabilità | 14 Maggio 2020

Adozione in casi particolari: residenza abituale vs Paese d’origine

Convenzione Aja vs Accordo bilaterale Italia-Russia

di Alice Di Lallo - Avvocato

Secondo la Suprema Corte, pur se volta a sopperire a situazioni di abbandono, l’adozione in casi particolari non realizza quel modello di adozione piena costitutiva di un rapporto di filiazione costitutiva di quella di sangue con definitivo ed esclusivo inserimento in una nuova famiglia a cui è ispirato l’Accordo bilaterale; conseguentemente si applica l’art. 1 della Convenzione Aja 5.10.1961 che fa riferimento alla residenza abituale del minore.  

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 8847/20; depositata il 13 maggio)

Così la Cassazione con sentenza n. 8847/20, depositata il 13 maggio.   I fatti di causa. Il Tribunale di Genova, dopo aver affidato la minore alla tutrice, emetteva sentenza di adozione ai sensi dell’art. 44, lett. d), Legge...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.