POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

minori | 12 Agosto 2019

Modifica dei provvedimenti riguardanti la prole: è competente il giudice del luogo di residenza del minore

di La Redazione

Per la modificazione dei provvedimenti riguardanti i coniugi e la prole conseguenti la separazione, è competente il tribunale del luogo di residenza del minore.

(Tribunale di Como, sentenza del 29 maggio 2019)

Il caso. In un procedimento di divorzio, veniva sollevata eccezione di incompetenza ratione loci del giudice adito, ritenendo tuttavia che quello stesso Giudice avrebbe dovuto comunque pronunciarsi circa i provvedimenti provvisori ed urgenti invocati nell’interesse della prole con particolare riferimento al percorso scolastico dei figli minori.

 

Residenza abituale e volontaria dimora. Al riguardo, il Giudice di merito afferma che, ai sensi dell’art. 4, l. n. 898/1970, la residenza abituale coincide con il luogo di abituale e volontaria dimora, in quanto assume rilevanza l’elemento oggettivo della permanenza in un dato luogo coerentemente con le consuetudini di vita e lo svolgimento delle normali relazioni personali e sociali. Nella fattispecie in esame, la residenza abituale coincide con quella della città dove vi è la casa familiare occupata dai figli minori e dove questi ultimi frequentano la scuola. Pertanto, secondo il Tribunale di Como, per i procedimenti di modificazione dei provvedimenti riguardanti i coniugi e la prole conseguenti la separazione, è competente il giudice del luogo di residenza del minore.

 

(Fonte: ilfamiliarista.it)