POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

rapporti fra coniugi | 06 Giugno 2017

Negoziazione assistita: conseguenze della violazione dell’obbligo informativo da parte degli avvocati

Quali sono le conseguenze dell’omissione dell’obbligo informativo ex art. 6, comma 3, d.l. n. 132/2014 avente ad oggetto l’importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati con ciascuno dei genitori?

(Tribunale di Torino, sez. VII Civile – Famiglia, decreto 29 maggio 2017)

Lo ha chiarito il Tribunale di Torino con decreto del 30 maggio 2017.

Il caso. Ritenendo violato l’obbligo informativo posto a carico degli avvocati ex art. 6, comma 3, d.l. n. 132/2014 avente ad oggetto «l’importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati con ciascuno dei genitori», il PM ha negato l’autorizzazione all’accordo di negoziazione assistita raggiunto dai coniugi e ha trasmesso gli atti al Presidente della sezione VII Civile del Tribunale di Torino.

Omissione obbligo informativo ex art. 6, comma 3, d.l. n. 132/2014: quali conseguenze? Secondo il Presidente, nel caso in esame, l’omissione dell’informativa di legge ha in concreto influito sugli accordi «che non paiono sufficientemente adeguati a garantire una continuità nella relazione tra i figli minori e il genitore non collocatario». Tale conclusione trova ulteriore conferma nell’audizione personale dei coniugi che hanno riferito di avere la possibilità di attenersi a giorni e orari di visita da parte del padre più ampi rispetto a quelli previsti.
Condividendo il dissenso del PM, pertanto, il Presidente non autorizza l’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita in quanto l’omesso avviso alle parti ex art. 6, comma 3, d.l. n. 132/2014, pur non comportando ex lege una sanzione di nullità della negoziazione, ha in concreto determinato la predisposizione di un calendario di visite contrastante con l’interesse del minore a conservare una relazione continuativa con il padre.

(Fonte: ilfamiliarista.it)