POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

Petizione di eredità | 26 Marzo 2013

Corsa alla successione: il testamento c’è. E la buona fede dei cugini che comprano di fretta i beni ereditari?

  La Corte territoriale si è limitata a negare valore indiziario ai molteplici elementi addotti a sostegno della tesi della simulazione, senza accertare se tali elementi, anche se singolarmente sforniti di valenza indiziaria, non fossero in grado di acquisirla ove valutati globalmente, nel senso che ciascuno di essi potrebbe rafforzare e trarre vigore dall’altro in un rapporto di vicendevole completamento.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 7471/13; depositata il 25 marzo)

  Con la sentenza n. 7471, depositata il 25 marzo 2013, la Corte di Cassazione ha ribadito la propria giurisprudenza in materia di presunzioni di prova. Lite tra cugini. Della serie «parenti serpenti». Un uomo anziano, senza...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.