POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 29 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

divorzio | 21 Giugno 2012

Pensione di reversibilità e assegno vitalizio: ben poche le affinità

L’assegno vitalizio destinato ai parlamentari – la cui disciplina è demandata ai regolamento interni delle Camere – è dotato di caratteri riconducibili anche al regime delle assicurazioni private. Il fatto che per essere trasferito post mortem a un terzo imponga il pagamento di una quota aggiuntiva, lo allontana dai canoni tipici previdenziali. Sono quindi diversi i criteri di ripartizione rispetto alla divisione operata tra coniuge divorziato e superstite in tema di assegno divorzile e di pensione di reversibilità.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 10177/12; depositata il 20 giugno)

  Questo il principio enucleato dalla sentenza n. 10177/12, depositata il 20 giugno, della Prima sezione della Cassazione Civile. Battaglia di percentuali. Una donna, divorziata da un uomo poi coniugatosi con un’altra signora,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.