POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 25 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

divorzio | 19 Aprile 2012

Il figlio lascia il nido, la madre deve abbandonare la casa coniugale. Legittima la richiesta dell’ex marito

La raggiunta indipendenza economica del giovane ha inevitabili ripercussioni sui rapporti tra i due ex coniugi. Azzerata l’assegnazione delle mura domestiche alla donna, viene accolta la domanda dell’uomo: l’occupazione dell’immobile è da considerare sine titulo.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 6154/12; depositata il 19 aprile)

  Mai più bamboccione! Per sentirsi adulto, finalmente, raggiungere l’indipendenza economica, fare le valigie e abbandonare il ‘nido’ familiare è fondamentale. Lo si può considerare un passaggio naturale,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.