POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

immigrazione | 24 Settembre 2020

Fermi di polizia e condanne penali: espulso lo straniero pericoloso. Irrilevante la presenza in Italia di moglie e figli minori

di Attilio Ievolella

Inequivocabile il comportamento tenuto dallo straniero, originario del Marocco. Egli è riuscito ad ottenere il permesso di lungo periodo ma ha poi iniziato a riportare condanne penali e fermi di polizia per diversi reati. Evidente, quindi, la sua pericolosità sociale. A inchiodarlo anche il fatto che egli ha ignorato il provvedimento con cui il Questore gli imponeva di cambiare condotta. Per quanto concerne la situazione familiare, anche la moglie è imputata per furto, e i figli minori meritano di essere protetti.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 19949/20; depositata il 23 settembre)

“Errare è umano. Perseverare è diabolico” e può costare carissimo al cittadino straniero, che, pur inserito in Italia – con moglie e figli –, si becca un provvedimento di espulsione alla luce della sua pericolosità,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.