POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 07 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

lite temeraria | 04 Giugno 2020

Condanna per lite temeraria se il giudizio è proposto ai soli fini dilatori

di Rosa Villani - Avvocato

La novella apportata dalla l. n. 69/2009 al terzo comma dell’art. 96 c.p.c., nell’estendere a tutti i gradi del giudizio lo strumento deflattivo del contenzioso delineato dall’abrogato art. 385, comma 4, c.p.c. per la sola fase di legittimità, non presenta connotati di irragionevolezza, ma riflette una delle possibili scelte del legislatore, non costituzionalmente vincolato nella sua discrezionalità nell’individuare il beneficiario di una misura che sanziona un comportamento processuale abusivo e che funga da deterrente al ripetersi di una siffatta condotta.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 10524/20; depositata il 3 giugno)

E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 10524/20, depositata il 3 giugno.   Una S.n.c. proponeva ricorso in opposizione avverso un decreto ingiuntivo con il quale una S.p.a. le ingiungeva il pagamento...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.