POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 30 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

immigrazione | 29 Aprile 2020

La tutela cautelare nel diritto UE e nei procedimenti di protezione internazionale

di Roberto Dalla Bona - Avvocato

Il decreto n. 4028/2020 del Tribunale di Venezia risolve la delicata lettura del’art.35-bis, comma 13, d.lgs. n. 25/2008 con diretto richiamo dell’ordinamento sovranazionale UE. Il tema era già stato affrontato dall’ordinanza del Tribunale di Milano, con tentativo di lettura del suddetto art. 35-bis in rapporto alla normativa sovranazionale UE nonché in raffronto con altre norme di diritto comune: artt. 283 e 373 c.p.c..  

(Tribunale di Venezia, sez. specializzata in materia di immigrazione, decreto n. 4028/20, depositato il 16 aprile)

Il procedimento disegnato da tale norma riguarda, in sede cautelare, il diritto del richiedente asilo a permanere sul territorio dello Stato sino a decisione definitiva. La norma secondo il Tribunale di Milano solleva gravi dubbi di legittimità...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.