POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 14 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

impugnazioni | 19 Novembre 2019

La tardività dell’impugnazione rilevata d’ufficio può fondare la decisione?

di La Redazione

Il divieto di porre a fondamento della decisione una questione rilevata d’ufficio e non sottoposta al contraddittorio delle parti non riguarda il rilievo della tardività dell’impugnazione e dell’intervenuta decadenza dell’opposizione. Infatti, l’osservanza dei termini perentori entro cui proporre le impugnazioni o avviare le cause di contenuto oppositivo costituisce un parametro di ammissibilità della domanda alla quale la parte non può non prestare attenzione.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 29803/19; depositata il 18 novembre)

Lo ha chiarito la Cassazione con ordinanza n. 29803/19 depositata il 18 novembre.   Il caso. In un contenzioso per il rispristino di una recinzione su un fondo, la Corte d’Appello rilevava d’ufficio la tardività dell’impugnazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.