POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

immigrazione | 09 Ottobre 2019

Protezione umanitaria: l’operatività dell’obbligo di fissare l’udienza di comparizione delle parti

di La Redazione

In tema di richiesta di asilo da parte di cittadini di Paesi terzi, qualora manchi la videoregistrazione del colloquio reso dal richiedente alla Commissione territoriale, l’obbligo del giudice di fissare l’udienza di comparizione delle parti nell’ambito del giudizio di impugnazione della decisione emessa da quest’ultima è immediatamente applicabile fin dall’entrata in vigore dell’art. 35-bis d.lgs. n. 25/2008, come modificato dal d.l. n. 13/2017, non essendo soggetto alla “vacatio legis” riguardante l’obbligo di videoregistrazione del suddetto colloquio.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 25157/19; depositata l’8 ottobre)

Questo il principio di diritto contenuto nell’ordinanza n. 25157/19 della Corte di Cassazione, depositata l’8 ottobre.   Il fatto. Il Tribunale di Milano rigettava il ricorso proposto da una cittadina cinese contro il provvedimento...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.