POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 14 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

impugnazioni | 03 Luglio 2019

La Cassazione chiarisce i confini tra errore di diritto ed errore di fatto

di Laura Biarella - Avvocato del Foro di Perugia e Giornalista pubblicista

Non si ricade nella violazione delle norme di diritto quando si alleghi che il giudice non abbia tenuto conto di fatti pur comprovati in giudizio, che se considerati avrebbero determinato, con elevato grado di certezza probabilistica, una differente decisione, ovvero si alleghi che il giudice abbia attribuito valore determinante a elementi probatori che si elidono a vicenda, rendendo incomprensibile la ratio decidendi, ovvero si alleghi un non convincente esercizio del potere di ponderazione delle risultanze probatorie: in casi siffatti non sussiste violazione del criterio di riparto dell’onere della prova, né illegittima utilizzazione di prove non dedotte dalle parti, bensì si ricade nell’ambito dell’errore di fatto, sindacabile in Cassazione nei soli limiti consentiti dall’art. 360, comma 1, n. 5, c.p.c..  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 17685/19; depositata il 2 luglio)

La vicenda. In una causa afferente il risarcimento del danno da sinistro stradale, il Tribunale rigettava l’appello proposto da un uomo, così confermando la decisione resa in primo grado dal Giudice di pace, al contempo rilevando che corretta...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.