POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

immigrazione | 21 Giugno 2019

Decreto sicurezza: per la Consulta sono inammissibili i ricorsi delle Regioni

di La Redazione

La Corte Costituzionale ha esaminato in camera di consiglio i ricorsi proposti dalle Regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria, le quali hanno impugnato alcune disposizioni del decreto sicurezza sugli stranieri, lamentando la violazione delle loro competenze.  

Così la Consulta con comunicato del 20 giugno 2019, con il quale, in attesa del deposito della sentenza, ritiene che le nuove regole introdotte del decreto sicurezza sui permessi di soggiorno, di iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo e SPRAR sono state adottate «nell’ambito delle competenze riservate in via esclusiva allo Stato in materia di asilo, immigrazione, condizione giuridica dello straniero e anagrafi», senza incidenza, sia diretta che indiretta, sulle competenze regionali.
Pertanto i suddetti ricorsi delle regioni sono stati giudicati dalla Corte Costituzionale come inammissibili.
Inoltre sono state esaminate in camera di consiglio anche alcune disposizioni del Titolo II del decreto sicurezza, ritenendo che sia stata violata l’autonomia costituzionalmente garantita ai Comuni e alle Province, accogliendo, in particolare, le censure sull’art. 28, il quale riconosce un potere sostitutivo al prefetto nell’attività dei suddetti enti.