POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

codice della strada | 17 Giugno 2019

«Mamma ha avuto un malore», il figlio corre (troppo velocemente) a casa: legittima la multa

di Attilio Ievolella

Respinta la linea difensiva, secondo cui l’automobilista, allertato dalla telefonata della moglie, avrebbe agito in modo illecito per uno “stato di necessità”. Inequivocabile il dato relativo all’eccesso di velocità: ben 60 chilometri in più rispetto al limite previsto in autostrada. Insufficiente il richiamo alle condizioni di salute della genitrice, poiché basato, secondo i Giudici, su uno stato d’animo personale e non su dati oggettivi.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 16155/19; depositata il 17 giugno)

«Tua mamma ha avuto un malore improvviso, e non vuole essere portata al Pronto soccorso». Comprensibile la preoccupazione del figlio – allertato dalla telefonata della moglie –, ma ciò non rende comunque giustificabile...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.