POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 06 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

esecuzione forzata | 11 Febbraio 2019

Esecuzione su immobile oggetto di confisca penale: quando l’interesse del terzo aggiudicatario prevale sullo Stato

di Gianluca Tarantino - Avvocato e dottore di ricerca in diritto dell'economia

Nel caso di sequestro penale o confisca disposti ai sensi della legge n. 575/1966 su un immobile che è oggetto di espropriazione forzata, l’interesse dello Stato a confiscare il bene prevale su quello del creditore, ma è sempre recessivo rispetto a quello del terzo che sia reso aggiudicatario del bene, anche in via provvisoria, in data anteriore all’entrata in vigore della legge 228/2012 (dal primo gennaio 2013).

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 3709/19; depositata l’8 febbraio)

A tali fini è irrilevante la circostanza che l’Erario abbia proposto opposizione di terzo con ricorso depositato anteriormente all’aggiudicazione, qualora la procedura esecutiva non sia stata tempestiva sospesa. Con la pronuncia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.