POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

impugnazioni | 16 Novembre 2018

Quando sospendere un giudizio e quando no: una questione complicata

di Enrico Morello - Avvocato

Quando tra due giudizi vi è un rapporto di pregiudizialità, a meno che la sospensione sia imposta da una disposizione specifica, il giudizio pregiudicato non deve essere necessariamente sospeso, ma può esserlo ai sensi dell’art. 337 c.p.c., «ove il giudice ritenga altrettanto motivatamente di non poggiarsi sull’ autorità della prima sentenza già intervenuta sulla questione pregiudicante».  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 29450/18; depositata il 15 novembre)

Questo il complesso principio di diritto espresso dalla Suprema corte con l’ordinanza in commento.   Il caso. Una condomina proprietaria di un box, impugnava la delibera assembleare con la quale, a maggioranza, era stato deciso di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.