POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 24 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

impugnazioni | 01 Ottobre 2018

L’appello autonomo proposto successivamente a quello notificato dalle altre parti

di Alessandro Villa - Avvocato cassazionista

È un principio generale quello per cui la prima impugnazione vale a costituire il processo nel quale debbono confluire le eventuali impugnazioni di altri soccombenti, sicché l’appello principale successivo ad altro si converte in appello incidentale: resta ammissibile, ai sensi dell’art. 334 c.p.c., l’impugnazione tardiva, anche a tutela di un interesse autonomo dell’impugnante incidentale, se il gravame principale investe una questione attinente all’interesse di tale parte.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 23457/18; depositata il 28 settembre)

Tuttavia le impugnazioni proposte successivamente alla prima, pur potendo rientrare nell’ipotesi di cui all’art. 334 codice di rito, ossia ritenersi indiscriminatamente incidentali tardive con l’unico nocumento rappresentato dall’ultimo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.