POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 30 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

amministrazione della giustizia | 22 Maggio 2018

Giustizia civile: il Ministero pubblica le risposte agli uffici

Il Ministero della Giustizia ha ideato un nuovo strumento online d'informazione e divulgazione delle interpretazioni fornite dalla Direzione generale della giustizia civile in risposta a specifici quesiti o già divulgate con vere e proprie circolari principalmente a supporto dei servizi di cancelleria e nelle diverse materie di propria competenza.

Una sorta di “massimario” della giustizia civile. Il Ministero della Giustizia ha pubblicato sul proprio sito un nuovo strumento di divulgazione delle interpretazioni fornite dalla direzione generale della giustizia civile in risposta a specifici quesiti o già divulgate con vere e proprie circolari principalmente a supporto dei servizi di cancelleria e nelle diverse materie di propria competenza.

Garantire uniformità di interpretazione. Si tratta di uno strumento di trasparenza pensato al fine di rendere più celere ed efficiente il servizio in quanto, con cadenza trimestrale, verranno pubblicate le risposte interpretative di competenza della Direzione generale della giustizia civile a specifici quesiti posti dai singoli uffici giudiziari, in particolare in materia di servizi di cancelleria e spese di giustizia. Si verrà a creare in questo modo un patrimonio comune, accessibile da tutti gli Uffici giudiziari, al fine di garantire uniformità di interpretazione sul territorio nazionale.

(Fonte: ilprocessocivile.it)