POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

cessione di credito  | 05 Novembre 2013

Attenzione a eseguire i pagamenti al creditore legittimato e … a come si redigono i ricorsi in Cassazione

di Andrea Paganini - Avvocato

Ai sensi dell’art. 115, D.P.R. 554/1999 l’unica disposizione limitativa della cessione del credito dell’appaltatore rispetto alla disciplina ordinaria di cui agli artt. 1260 e ss. c.c., è la facoltà della stazione appaltante di rifiutare la cessione medesima, ma al di fuori di tale ipotesi l’art. 115 citato non innova per nulla rispetto al regime codicistico che prevede l’opponibilità al cessionario delle eccezioni derivanti dal rapporto negoziale tra il creditore cedente e il debitore ceduto.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 24680/13; depositata il 4 novembre)

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 24680 del 4 novembre 2013. Il caso. Un’impresa subappaltatrice di lavori di controsoffittatura si era resa cessionaria dei crediti futuri vantabili dall’impresa appaltatrice...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.