POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 31 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

risarcimento danni | 23 Marzo 2012

Chi paga se il sindaco sbaglia a emettere un’ordinanza di chiusura rivolta ad un pub?

di Alessandro Villa - Avvocato cassazionista

Qualora il Sindaco emetta un’ordinanza di chiusura di un pubblico esercizio volto a tutelare l’ordine e la tranquillità pubblica, e non a prevenire o eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità dei cittadini, agisce non come ufficiale del governo ma come organo dell’Ente territoriale. Ne consegue che nell’ipotesi in cui detto provvedimento, dichiarato illegittimo dal TAR, sia fonte di danno per il soggetto destinatario la richiesta di ristoro del nocumento non deve essere rivolta allo Stato ma direttamente all’Ente locale.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 4547/12; depositata il 22 marzo)

  Tutti cerchiamo la movida cittadina ma solo a una certa distanza dal luogo ove viviamo e, soprattutto, dormiamo. La vicenda. E’ il caso di un pub che, a seguito di numerosi reclami sporti dai vicini, è stata oggetto di un’ordinanza,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.