POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 18 Gennaio 2021

COVID-19: vaccinazione prioritaria per gli avvocati?

di La Redazione

Il Presidente di Cassa Forense ha fatto presente i numerosi disagi che il COVID-19 ha provocato alla categoria professionale degli avvocati, chiedendo, di conseguenza, al Governo l’inclusione di questi ultimi nell’elenco dei lavoratori vulnerabili a cui somministrare il vaccino in via prioritaria.  

Cassa Forense ha chiesto ai Ministeri della Salute e della Giustizia l’inclusione nell’elenco dei lavoratori vulnerabili a cui somministrare in via prioritaria il vaccino contro il COVID-19 della categoria degli avvocati.

 

Il Presidente, infatti, ha comunicato che le istanze assistenziali giunte a Cassa Forense da parte di avvocati che hanno contratto il virus o che sono stati costretti all’isolamento per contatti a rischio sono state oltre 11mila, chiedendo, pertanto, al Governo di tutelare i colleghi che si espongono quotidianamente al rischio di contagio al fine di onorare il proprio dovere professionale e di assicurare il funzionamento della giustizia.

 

Inoltre, il Presidente aggiunge che, a seguito della sospensione disposta durante la fase emergenziale, le attività sono riprese mediante l’adozione di specifiche procedure precauzionali, nonché la riduzione degli accessi negli uffici giudiziari e nelle aule di udienza, affermando che proprio queste sedi sono state spesso focolai di trasmissione del COVID-19, comportando, di conseguenza, la sanificazione dei luoghi, la sospensione delle attività e l’obbligo di quarantena fiduciaria, con l’inevitabile prolungamento della durata dei processi giudiziari e l’aggravio economico di costi per lo Stato.