POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 26 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

amministrazione della giustizia | 05 Gennaio 2021

La Magistratura onoraria proclama una nuova astensione dalle udienze civili e penali

di La Redazione

Nuovo sciopero in arrivo: la Consulta della Magistratura onoraria, infatti, continua a rivendicare i diritti dei giudici non togati ed il mancato ascolto delle loro richieste, già note alle istituzioni e al Ministero della Giustizia, proclamando l’astensione dalle udienze dal 19 al 21 gennaio 2021.  

La Consulta della Magistratura Onoraria ha proclamato l’astensione dalle udienze civili e penali dal 19 al 22 gennaio 2021 dei giudici onorari di pace addetti agli Uffici del Giudice di Pace e del Tribunale e dei viceprocuratori onorari, in base alle modalità contemplate dai rispettivi codici di autoregolamentazione dello sciopero.

 

Proseguono, dunque, le rivendicazioni dei magistrati onorari, le quali si sono acuite a causa dell’attuale situazione emergenziale per via dell’assenza di tutele assistenziali e delle retribuzioni a cottimo in ragione delle sospensioni ex lege e della costrizione delle attività che, unite a lunghi periodi di malattia e di quarantena, hanno prodotto gravi conseguenze nella vita degli stessi, lasciandoli, da un lato, privi di reddito e, dall’altra, di adeguati indennizzi.

 

Tuttavia, la diffusione del COVID-19 ha solamente peggiorato una situazione che era già ben nota alle istituzioni, per cui, «prendendo atto del comportamento reiteratamente lesivo ed omissivo del Ministro della Giustizia» anche a seguito della procedura di raffreddamento esperita lo scorso dicembre, alla Consulta altro non resta che tutelare ancora una volta i diritti dei giudici non togati e far sentire la propria voce proclamando l’astensione dalle udienze.