POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 25 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

amministrazione della giustizia | 27 Ottobre 2020

Il rapporto CEPEJ 2020 sulla giustizia in Europa

di La Redazione

Il Consiglio d’Europa ha pubblicato il rapporto 2020 della Commissione europea per l’efficacia della giustizia (CEPEJ) sull’efficacia e qualità della giustizia in Europa. Il rapporto ha individuato alcune tendenze generali nei sistemi giudiziari dei 45 paesi europei e ha stimato una spesa media di 72 euro per abitante all’anno per il sistema giuridico.  

La CEPEJ ha pubblicato l’ottavo rapporto di valutazione sull’efficacia e la qualità della giustizia in Europa. La Commissione ha individuato alcune tendenze generali nei sistemi giudiziari dei paesi europei ed ha evidenziato che:

- la spesa media di ogni Stato europeo per il sistema giuridico è di 72 euro per abitante all’anno;

- la presenza di donne nella magistratura è in aumento, mentre le professioni giuridiche continuano ad essere svolte prevalentemente da uomini;

- in media, vi sono 164 avvocati ogni 100mila abitanti;

- il numero dei tribunali è sceso del 10% tra il 2010 e il 2018;

- i tribunali in tutta Europa hanno potuto continuare a operare durante la pandemia grazie ai recenti progressi della tecnologia dell’informazione.

 

Il rapporto è arricchito dalle schede paese che permettono di individuare l’analisi specifica di ciascun paese.