POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 03 dicembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 19 Ottobre 2020

Prestazioni assistenziali straordinarie per emergenza COVID-19: Cassa Forense proroga i termini

di La Redazione

Cassa Forense ha reso nota la proroga del termine per la presentazione delle domande finalizzate all’erogazione dei contributi riguardanti le prestazioni assistenziali straordinarie in favore dell’iscritto e dei superstiti dell’iscritto per emergenza COVID-19.

Con un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale, Cassa Forense ha reso noto che il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 15 ottobre 2020, in considerazione delle numerose richieste pervenute per l’erogazione dei contributi riguardanti le prestazioni assistenziali straordinarie in favore dell’iscritto e dei superstiti dell’iscritto per emergenza COVID – 19 ha prorogato al 31 dicembre 2020 il termine per la presentazione delle relative domande.
Le prestazioni assistenziali straordinarie, ricorda la Cassa, possono essere richieste dagli iscritti che sono stati ricoverati in una struttura sanitaria ovvero posti in isolamento sanitario obbligatorio per aver contratto il virus o per contatti diretti con soggetti contagiati oppure in caso di decesso del coniuge dell’iscritto o dei figli conviventi, avvenuto per patologia COVID-19, nel medesimo periodo.

 

Inoltre, considerato che l’iniziale dotazione di € 1.500.000,00 è stata interamente utilizzata per l’erogazione delle istanze presentate, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di incrementare lo stanziamento di un ulteriore importo pari ad € 1.500.000,00.

 

Per le domande che perverranno dopo il 15 ottobre 2020, in caso di isolamento obbligatorio senza aver contratto il virus, il relativo contributo verrà erogato nella misura di € 1000,00 considerate le disposizioni del Ministero della Salute che ha modificato le regole sulla durata del periodo di isolamento.