POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 08 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 01 Luglio 2020

Cassa Forense si unisce agli Ordini per affrontare (ancora una volta) l’emergenza sanitaria

di La Redazione

Cassa Forense, in collaborazione con gli Ordini, per essere al fianco dei propri iscritti, prevede lo stanziamento di 5 milioni di euro complessivi a supporto delle iniziative che gli Ordini medesimi intendano mettere in atto per affrontare l’emergenza sanitaria da COVID-19 e la ripartenza dell’attività giudiziaria in sicurezza.  

Con l’obiettivo di aiutare economicamente gli Ordini professionali forensi che intendano adottare tutte le misure adeguate per fronteggiare l’emergenza sanitaria dl momento, Cassa Forense stanzia 5 milioni di euro.

 

Proprio in tale ottica è stato approvato il cofinanziamento del progetto dell’Ordine degli Avvocati di Roma, che fornisce ai legali test gratuiti per il monitoraggio dell’esposizione al COVID-19. Si tratta di un esame che potrà essere effettuato all’ingresso dei Tribunali e consente di avere in 5 minuti una risposta su un possibile contagio virale.
L’iniziativa viene inaugurata oggi e si protrarrà fino al 17 luglio: si può partecipare attraverso un form di prenotazione accessibile dal sito istituzionale dell’Ordine.
In caso di esito positivo al test, la procedura prevede, gratuitamente, l’esecuzione del test sierologico (e se anche questo dovesse risultare positivo si procederà al tampone naso/orofaringeo).
In caso di contrazione del virus – ricorda Cassa Forense – che l’iscritto potrà usufruire di tutte le garanzie e prestazioni previste dalla medesima insieme ai partner assicurativo-sanitari.