POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 02 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

mediazione | 01 Luglio 2020

Camera Arbitrale di Milano, misure straordinarie per l’arbitrato e la mediazione

di La Redazione

Le nuove misure, in vigore dal 1° luglio, riguardano una nuova procedura di arbitrato semplificato con costi ridotti di un terzo e tempi dimezzati per arrivare ad una decisione; benefici economici per chi ricorre alla mediazione; e rilancio dell’arbitraggio per rinegoziare i contratti in crisi per COVID-19.    

Gli obiettivi del nuovo pacchetto di misure straordinarie messe in campo dalla Camera Arbitrale di Milano sono due:
- aiutare le imprese e i consumatori italiani e stranieri coinvolti in una controversia nata dagli effetti negativi del COVID-19;
- dare una mano al corretto funzionamento del “sistema giustizia”.
In particolare, le misure prevedono riduzioni alle spese di avvio dei procedimenti di mediazione, accesso agevolato ai servizi, e un nuovo procedimento arbitrale semplificato.

 

Dal 1° luglio è prevista una nuova procedura di Arbitrato Semplificato, nella quale la decisione è affidata all’arbitro unico, i tempi sono dimezzati rispetto all’arbitrato ordinario (3 mesi per il deposito del lodo anziché i 6 mesi ordinari) e si svolgerà, al più, un’unica udienza. Si ha poi una riduzione dei costi di un terzo. Tale procedura è applicabile nelle seguenti ipotesi:
- ai procedimenti instaurati dopo l’entrata in vigore (cioè dal 1° luglio) quando il valore della domanda di arbitrato non sia superiore a 250.000 euro;
- a tutti i procedimenti senza limite di valore economico, se le parti vi abbiano fatto riferimento nella convenzione arbitrale o se ne abbiano concordato l’applicazione successivamente, fino allo scambio degli atti introduttivi.

 

Inoltre, la Camera Arbitrale di Milano, in via del tutto sperimentale e per le prime 300 domande di mediazione presentate entro il 30 settembre 2020 applica tariffe agevolate per aiutare imprese e consumatori coinvolti in controversie causate dal COVID-19. Si tratta di agevolazioni che si differenziano a seconda del servizio di mediazione offerto dalla Camera: Servizio di conciliazione (mediazione disciplinata dal d.lgs. n. 28/2010), Fast Track Mediation e Risolvionline.
Nelle ipotesi di Servizio di conciliazione, per i primi 100 casi depositati entro il 30 settembre p.v. sia in materie in cui la mediazione è volontaria che obbligatoria non si applicano le spese di avvio.
La procedura di mediazione Risolvionline è quella che si svolge interamente online, in cui sempre ai primi 100 casi depositati entro il predetto termine, collegati all’emergenza sanitaria, di valore economico fino a 10.000 euro, verrà applicata la tariffa più bassa.
Nel servizio Fast Track Mediation, ai primi 100 casi di valore economico fino a 100.000 euro, si applica la tariffa di 500 euro per le prime 4 ore di incontro, invece delle attuali prime 2 ore di incontro.

 

Infine, la Camera Arbitrale mette a disposizione la procedura di arbitraggio per rinegoziare i contratti con l’intervento di un terzo, offrendo clausole modello di arbitraggio per dare agli utenti sia la sola nomina di un arbitratore, sia l’amministrazione vera e propria della procedura di arbitraggio.