POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 02 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 26 Giugno 2020

Il d.l. 28 è legge: dal 1° luglio riparte l’attività giudiziaria

di La Redazione

È stato definitivamente approvato il disegno di legge di conversione del d.l. n. 28/2020 che detta misure urgenti in materia di intercettazioni, di ordinamento penitenziario, di giustizia civile, penale, amministrativa e contabile e per l'introduzione di un sistema di allerta Covid-19.

Con 256 voti favorevoli e 159 contrari, la Camera dei deputati ha approvato ieri, 25 giugno 2020, la conversione del d.l. n. 28/2020 recante misure urgenti in materia di intercettazioni, di ordinamento penitenziario, di giustizia civile, penale, amministrativa e contabile e per l'introduzione di un sistema di allerta Covid-19.

 

Le principali misure approvate riguardano:
- le intercettazioni e, in particolare, le modalità per il deposito in forma telematica dei relativi atti e provvedimenti che entreranno immediatamente in vigore, al contrario dell’applicazione della riforma che è stata rinviata al 1° settembre 2020:
-l’ordinamento penitenziario, per il quale è stato approvato l’utilizzo di droni da parte della polizia penitenziaria, per assicurare una più efficace vigilanza sugli istituti penitenziari e garantire maggior sicurezza all’interno;
- le scarcerazioni, con particolare attenzione alla disciplina dei permessi e della detenzione domiciliare per quanto riguarda il rischio di contagio determinato dalla diffusione del Coronavirus.

 

Fondamentale poi la ripartenza dell’attività giudiziaria, che il decreto prevede per il prossimo 1° luglio 2020. Terminerà infatti il 30 giugno la fase emergenziale, con l’auspicio di un ritorno alla normalità.