POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 01 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

decreto coronavirus | 16 Marzo 2020

Nuovo decreto legge sull’emergenza COVID-19: le misure sul sistema giustizia

di La Redazione

Nel nuovo decreto legge sull’emergenza Coronavirus, varato dal Governo, tra le varie misure sul sistema giustizia vi è la proroga al 15 aprile del rinvio delle udienze e sospensione dei termini, notificazioni solo telematiche e misure di sostegno alla magistratura onoraria.  

Proroga rinvio udienze. In particolare, viene prorogato al 15 aprile p.v. il rinvio delle udienze e la sospensione dei termini nei processi civili e penali su tutto il territorio nazionale (già indicato nel precedente decreto dello scorso 22 marzo). Sospesi anche, sempre fino al 15 aprile, i termini di durata massima delle misure cautelari e il corso della prescrizione.

 

Notifiche telematiche. Inoltre, a contrasto dell’emergenza epidemiologica del nostro Paese, possono essere eseguite le notificazioni e le comunicazioni in ambito penale esclusivamente per via telematica, consentendo a tutti gli uffici giudiziari l’accesso al Sistema di Notificazioni e Comunicazioni telematiche penali. E per far fronte al notevole carico di lavoro delle cancellerie per le comunicazioni e notificazioni dei provvedimenti di rinvio, è stata disposta una generale domiciliazione presso il difensore di fiducia dell’imputato e di tutte le parti private.

 

Sostegno ai magistrati onorari. Infine, a sostegno della magistratura onoraria vengono estese misure simili a quelle previste per i lavoratori autonomi, attraverso un contributo pari a 600 euro mensili per un massimo di 3 mesi, calcolato sulla base del periodo effettivo di sospensione dell’attività.

 

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus