POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

legislazione | 27 Febbraio 2020

Approvata in via definitiva la conversione del decreto Milleproroghe

di La Redazione

Il Senato, con 154 voti favorevoli, 96 voti contrari e nessun astenuto, ha approvato in via definitiva il disegno di conversione in legge del c.d. decreto Milleproroghe (d.l. n. 162/2019). Diverse sono le disposizioni che intervengono sui temi della giustizia.

Nella seduta di ieri mercoledì 26 febbraio, il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione, con modificazioni, del d.l. 30 dicembre 2019, n. 162, in materia di proroga di termini legislativi. Per quanto riguarda il mondo della giustizia, diversi sono gli interventi del testo.

 

Per quanto riguarda il codice della crisi d’impresa, è stato rinviato al 30 giugno 2020 il termine per l'approvazione del decreto da parte del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, volto ad individuare le modalità di iscrizione all'Albo dei soggetti incaricati dall'autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al codice della crisi e dell'insolvenza.
E’ stata invece differita al 19 novembre 2020 la data di entrata in vigore della nuova disciplina in materia di azione di classe e di tutela inibitoria collettiva.
In tema di professione forense, è prevista la possibilità di chiedere l'iscrizione all'albo degli avvocati cassazionisti per coloro che maturino i requisiti, secondo la previgente normativa, entro otto anni dalla data di entrata in vigore della legge 247/2012. Viene inoltre previsto un ulteriore slittamento delle nuove modalità di svolgimento dell'esame di abilitazione alla professione forense, tra cui l'esclusione dei codici commentati.