POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 27 Gennaio 2020

CNF, OCF, Cassa Forense: regime forfettario e flat-tax anche per avvocati e lavoratori autonomi

di La Redazione

CNF, OCF e Cassa Forense hanno presentato istanza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Economia e delle Finanze contenente una serie di osservazioni e richieste di modifica alla legge di bilancio sul regime forfettario e flat-tax per avvocati e lavoratori autonomi.

Con istanza del 24 gennaio 2020, CNF, OCF e Cassa Forense si sono rivolti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Economia e delle Finanze avanzando osservazioni e richieste sulla legge di bilancio 2020, laddove ha previsto modifiche rilevanti al regime forfettario per imprenditori individuali e lavoratori autonomi.

 

La richiesta di CNF, OCF e Cassa Forense. Secondo tali organismi, gli interventi posti in essere «hanno il fine di erodere le risorse destinate ai lavoratori autonomi per incrementare quelle a favore dei lavoratori dipendenti» e ciò che «non appare equilibrato è il non rimpiego di quelle risorse a favore del mondo dei professionisti che costituiscono una parte importante dell’economia del paese». Una soluzione idonea, a parere di CNF, OCF e Cassa Forense, potrebbe essere quella di «riconoscere tale regime anche a professionisti e imprese che svolgono l’attività in forma associata, così da creare un criterio più omogeneo e meno penalizzante per la classe media di professionisti».
Viene segnalata, poi, l’ulteriore necessità di intervenire con un emendamento abrogativo sulla normativa che esclude dal regime forfettario «i soggetti che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente eccedenti l’importo di 30 mila euro», in contrasto con lo statuto del contribuente.

 



Qui l’istanza di CNF, OCF e Cassa Forense del 24 gennaio 2020