POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 13 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 04 Dicembre 2019

Nessun compenso all’avvocato se il mandato è stato conferito da un soggetto senza potere di rappresentanza

di La Redazione

Il diritto al compenso dell’avvocato presuppone che il contratto professionale con la Camera di commercio, che si perfeziona mediante il rilascio della procura alle liti, sia idoneo a vincolare l’amministrazione. A tal fine, oltre a dover sussistere il requisito della forma scritta, occorre che la volontà dell’ente sia espressa da un soggetto munito dei poteri di rappresentanza.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 31516/19; depositata il 3 dicembre)

Lo ha ribadito la Suprema Corte con ordinanza n. 31516/19 depositata il 3 dicembre.   Il caso. L’avvocato otteneva una serie di decreti ingiuntivi nei confronti della Camera di commercio per il pagamento di competenze professionali...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.