POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 14 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 19 Novembre 2019

Il diritto al compenso in caso di difesa congiunta e la differenza fra prescrizione presuntiva ed estintiva

di Giuseppe Davide Giagnotti - Avvocato

Se in un processo civile vi siano più avvocati incaricati congiuntamente della difesa di una parte, ciascuno di essi maturerà autonomamente il diritto al compenso, in base all’opera effettivamente prestata, fatto salvo il solo caso in cui sia richiesto il pagamento di un’unica parcella, in cui non siano indicate distintamente le prestazioni di ognuno dei procuratori, così da potersi ritenere che essi le abbiano eseguite insieme o mediante reciproca sostituzione.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 2, ordinanza n. 29822/19; depositata il 18 novembre)

Prosegue poi la Corte, affrontando un’altra tematica, che i due istituti della prescrizione presuntiva ed estintiva non sono fra loro assimilabili, poiché fondati su presupposti differenti e con finalità ed effetti giuridici diversi:...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.