POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 19 Agosto 2019

Sospensione disciplinare per l’avvocato che omette il mantenimento dei figli

di La Redazione

Il CNF ha confermato la sanzione disciplinare inflitta ad un avvocato che aveva omesso di contribuire al mantenimento dei tre figli disposto dal competente Tribunale dei minorenni. La violazione dei doveri familiari da parte del legale lede infatti i doveri di dignità, probità e decoro, riflettendosi negativamente non solo sulla sua attività professionale ma anche sull’immagine dell’intera classe forense.

(Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 177/18; depositata il 13 dicembre)

La vicenda. Il COA di Roma infliggeva la sanzione disciplinare della sospensione dall’esercizio dell’attività professionale per la durata di 6 mesi ad un avvocato che aveva omesso di contribuire al mantenimento dei tre figli mediante apposito assegno di mantenimento mensile (pari a euro 3900), così come stabilito in un precedente decreto emesso dal Tribunale dei minorenni di Roma, fino a subire il pignoramento immobiliare e mobiliare dei suoi beni a causa del mancato adempimento spontaneo. Ponendo in essere tali condotte, secondo il COA l’avvocato avrebbe violato diversi precetti contenuti nel codice deontologico, tra cui gli artt. 5 (doveri di probità, dignità e decoro), 6 (doveri di lealtà e correttezza) e 59 (obbligo di provvedere all’adempimento delle obbligazioni assunte nei confronti dei terzi).

 

La rilevanza della vita privata del professionista. L’avvocato impugna la suddetta decisione dinanzi al Consiglio Nazionale Forense, contestando, tra i diversi motivi, le affermazioni del COA in relazione all’aver ritenuto le condotte contestate idonee a produrre riflessi sulla reputazione professionale del ricorrente e a compromettere l’immagine della classe forense.
Il CNF dichiara infondate le doglianze del ricorrente, osservando come le condotte a lui contestate siano rilevanti dal punto di vista disciplinare anche se non riguardano direttamente lo svolgimento della professione forense. Ciò perché il CNF ha sempre riconosciuto un disvalore deontologico nelle condotte tenute dagli avvocati nella loro vita privata, poiché, venendo meno la dignità, la probità e il decoro, ciò si riflette inevitabilmente sulla reputazione prima del singolo e poi dell’intera classe forense di cui fa parte.
Nel caso di specie, il ricorrente aveva interrotto la corresponsione degli assegni di mantenimento ai figli senza fornire alcuna giustificazione e senza nemmeno agire al fine della loro riduzione, accumulando un ingente debito fino a subire l’esecuzione forzata sui suoi beni. Tali condotte comportano un certo discredito personale e, di conseguenza, anche in merito all’intera classe professionale a cui l’avvocato appartiene.
Alla luce di quanto esposto, il Consiglio Nazionale Forense rigetta il ricorso e conferma la sanzione disciplinare inflitta dal COA.