POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 17 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 26 Luglio 2019

Diritto e parole

di Gianluca Denora

La mucca non mangia la bistecca; non ha bisogno di definirla; non la mangia e basta; il diritto, invece, ha bisogno di definizioni. Il diritto muove dal dato di realtà, idoneo a soverchiare – secondo la grammatica dell’ora et labora – il momento della definizione e della comunicazione. Primum vivere, deinde filosofari: occorre rifuggire dalla pura astrazione.  

Antitesi. Il dato di realtà non serve a nulla se non è cristallizzato; per farlo servono le parole, che servono anche alla descrizione e alla comunicazione; il lessico giuridico, poi, – ma le parole in legalese sono solo un vezzo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.