POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 02 Luglio 2019

Bonafede e Mascherin firmano il protocollo d’intesa per il monitoraggio dell’equo compenso

di La Redazione

Sottoscritto l’accordo per l’istituzione del Nucleo Centrale di monitoraggio della disciplina dell’equo compenso per la professione forense. A firmare il documento il Guardasigilli, Alfonso Bonafede, e il Presidente del CNF, Andrea Mascherin.    

L’accordo, sottoscritto questa mattina nello studio del Ministro della Giustizia, consta di 5 articoli e istituisce presso il Ministero della Giustizia, il Nucleo centrale di monitoraggio per la corretta applicazione della disciplina dell’equo compenso per la professione forense. Il controllo verrà effettuato attraverso una rete che opererà a livello locale con la partecipazione dei Nuclei locali disposti dai Consigli degli ordini degli avvocati.
Bonafede ha dichiarato che «si tratta, nel pieno rispetto della prassi, di un segnale forte e chiaro che ci auguriamo veda presto coinvolti anche altri ordini professionali affinché questo possa diventare un modello che vada a tutelare anche altre categorie».
Mentre il Presidente del CNF, manifestando il suo parere favorevole al protocollo, ha affermato che risulta essenziale «promuovere con il ministero la corretta applicazione della normativa sull’equo compenso anche con la futura istituzione di una autorità garante con poteri sanzionatori e di indagine, specialmente nei confronti dei committenti forti, inclusa la PA. Per questo è fondamentale il coinvolgimento degli Ordini come previsto dal protocollo».

 

 



Qui il protocollo d'intesa