POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

società tra professionisti | 27 Marzo 2019

Chiarimenti sulla partecipazione ad associazioni tra professionisti

di La Redazione

Rispondendo ad un quesito proveniente da un Ordine territoriale, il CNDCEC ha fornito chiarimenti sulla possibilità per un’associazione professionale di essere partecipata da un'altra associazione professionale costituita ai sensi dell’art. 5 d.P.R. n. 917/1986 e da una STP.  

Società tra professionisti. Con il Pronto Ordine n. 169/2018 del 18 marzo scorso, il CNDCEC ha ricostruito il quadro normativo di riferimento in materia di società tra professionisti a partire dalla l. n. 1815/1939, passando per l’interpretazione giurisprudenziale, fino al recente intervento del legislatore che con la l. n. 247/2012, di riforma dell’ordinamento forense, ha disciplinato le associazioni tra avvocati prevedendo la possibilità di costituire associazioni multidisciplinari composte anche da altri liberi professionisti di cui al d.m. n. 23/2016, compresi i commercialisti. La legge professionale forense prevede anche la possibilità di costituire associazioni multidisciplinari tra professionisti iscritti in albi o elenchi e dunque appartenenti a professioni c.d. regolamentate e differenti da avvocati a cui partecipi comunque un avvocato.
Conclude dunque il CNDCEC che «in un’ottica prudenziale […] - ferma restando la possibilità di costituire associazioni professionali monodisciplinari o multidisciplinari – sia la costituzione, sia la successiva partecipazione, rappresentano una prerogativa dei professionisti persone fisiche che risultino iscritti in albi o elenchi tenuti da Ordini o Collegi, con l’ulteriore corollario che né un’associazione professionale né una STP possono partecipare ad associazioni tra tali professionisti già costituiti».

 



Qui il P.O. del CNDCEC del 18 marzo 2019, n. 169