POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 18 Marzo 2019

Le Linee guida di Milano per la redazione degli atti in materia di famiglia

di La Redazione

La Corte d'Appello di Milano, il Tribunale di Milano, il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Milano e l'Osservatorio della Giustizia civile di Milano hanno approvato le Linee guida nella redazione degli atti in materia di diritto di famiglia in maniera chiara e sintetica.  

Chiarezza e sinteticità. Le Linee guide nella redazione degli atti in materia di diritto di famiglia sono state sottoscritte dai presidenti della Corte d'Appello di Milano, del Tribunale di Milano, del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Milano e dell'Osservatorio della Giustizia civile di Milano. Come si legge nel documento, nell’ambito delle questioni relative alla custodia e alla tutela del minore, «l’avvocato che assiste le parti deve sempre ricercare soluzioni il più possibile condivise, privilegiando il ricorso alla mediazione familiare e ad altri strumenti alternativi e, ove tali soluzioni non siano percorribili, redigendo gli atti processuali evitando di esasperare il conflitto e fornendo al giudice ogni informazioni necessaria sulla reale situazione personale ed economica delle parti, sulla vita familiare e sociale dei figli e sui loro bisogni anche materiali». Ed infatti «nelle controversie in materia di famiglia, per una più efficace tutela dei diritti fondamentali delle persone coinvolte, soprattutto dei figli minori, gli obblighi imposto dagli artt. 88 e 89 c.p.c. assumono un significato ed una portata più pregnante».
Le linee guide ripercorrono i principi che l’avvocato è tenuto ad onorare in questa particolare materia: lealtà, probità e divieto di espressioni sconvenienti ed offensive; verità e trasparenza; sinteticità; chiarezza.
Infine, le linee guida illustrano nel dettaglio i criteri che devono ispirare la redazione degli atti, secondo i modelli predefiniti ed allegati, precisando inoltre la struttura, la produzione documentale e i collegamenti ipertestuali.

 



Qui le linee guida per la redazione degli atti in materia di famiglia