POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 26 Febbraio 2019

Il divieto di assumere l’incarico nei confronti dell’ex cliente

di La Redazione

Con la sentenza n. 123/18, il CNF ha ribadito alcuni principi di diritto in tema di divieto di assunzione dell’incarico nei confronti dell’ex cliente.  

(Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 123/18; depositata il 16 ottobre 2018)

Il CNF, con sentenza n. 123/18, ha ribadito che il divieto di assumere l’incarico nei confronti dell’ex cliente prescinde dalla natura giudiziale o stragiudiziale dell’attività prestata ed è soggetto al limite temporale di 2 anni dalla cessazione del rapporto professionale. Da tale vincolo deontologico, l’avvocato può essere sciolto solo dall’autorizzazione espressa dell’ex cliente.

 

Il caso. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ancona, a conclusione del procedimento disciplinare svoltosi a carico dell’avvocato ricorrente, gli infliggeva la sanzione della censura per avere assunto la difesa del marito nella separazione personale dalla moglie, in violazione del divieto di assumere incarichi contro l’ex cliente. Tale divieto si riteneva violato sul presupposto che egli aveva accettato l’incarico di difendere il marito nel giudizio di separazione, pur avendo ricevuto in precedenza l’incarico, sia pure poi revocato, dalla moglie nella fase pre-contenziosa.
Avverso tale decisione l’avvocato interpone rituale e tempestivo ricorso e chiede l’annullamento della stessa ed il suo proscioglimento.

 

Il divieto di assumere l’incarico nei confronti dell’ex cliente. Durante l’analisi del ricorso interposto dal ricorrente, il Consiglio Nazionale Forense ha l’occasione di ribadire tre importanti principi di diritto.
Primo fra tutti è quello che scaturisce dall’art. 68 del Codice Deontologico Forense, secondo cui «il divieto di assumere l’incarico nei confronti dell’ex cliente, prescinde dalla natura giudiziale o stragiudiziale dell’attività prestata a favore di quest’ultimo, giacché è sufficiente una prestazione professionale nella più ampia definizione di assistenza, così come è irrilevante il motivo per il quale la dismissione del mandato sia avvenuta, ossia per revoca o rinuncia».

 

L’autorizzazione espressa dell’ex cliente libera l’avvocato. Il medesimo precetto, prosegue il CNF, sussiste nei confronti dell’avvocato sempreché non sia decorso un ragionevole periodo di tempo, che l’oggetto del nuovo incarico sia estraneo a quello espletato in precedenza e che non vi sia la possibilità, per il professionista, di utilizzare notizie in precedenza acquisite.
Tuttavia, anche quando tali condizioni non ricorrono tutte nella fattispecie, il rigido tenore della norma può ritenersi superato se il soggetto autorizza espressamente il professionista a non tener conto del divieto, liberandolo così dal vincolo deontologico che la disposizione gli impone.

 

Limite temporale. Per per quanto concerne il limite temporale, il Consiglio ribadisce che l’avvocato non può e non deve assumere un incarico professionale contro una parte già assistita, se non dopo il decorso di 2 anni dalla cessazione del rapporto professionale. E, anche dopo tale termine, egli deve comunque astenersi dall’utilizzare notizie acquisite in ragione del rapporto già espletato.
Infine, il divieto de quo non è soggetto ad alcun limite temporale se l’oggetto del nuovo incarico non è estraneo a quello espletato in precedenza, se si tratta di assistere un coniuge o convivente more uxorio contro l’altro dopo averli assistiti congiuntamente in controversie di natura familiare, se ha assistito il minore in controversie familiari e poi uno dei genitori in successive controversie aventi la medesima natura o viceversa.
Nella fattispecie, il Consiglio Nazionale Forense rigetta il ricorso e conferma integralmente la decisione impugnata.