POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 19 aprile 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

amministrazione della giustizia | 11 Febbraio 2019

Il Ministro Bonafede al convegno per l’anniversario dell’ANM

di La Redazione

Si è tenuto lo scorso weekend il convegno organizzato in onore del 110° anniversario dell’ANM, due giorni dedicati alla memoria di alcune delle personalità di spicco della magistratura italiana e al ricordo delle tappe più significative della storia dell’Associazione. All’incontro, organizzato presso l’Università di Roma – Sapienza, hanno partecipato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente dell’ANM Francesco Minisci, il vice presidente del CSM David Ermini e il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

L’intervento del Ministro Bonafede. Il Guardasigilli ha rivolto all’associazione dei magistrati «un invito al dialogo e alla collaborazione per far fronte in modo condiviso all’allarmante senso di sfiducia dei cittadini nella giustizia italiana e nella capacità dello Stato di tutelare i diritti dei consociati». Il confronto dovrà essere «ancora più assiduo nel corso dei prossimi mesi, in occasione della complessiva revisione del sistema processuale, civile e penale, che ha l’obiettivo di semplificare la giustizia italiana rendendola, non soltanto più efficiente, ma anche più comprensibile, accessibile e credibile agli occhi dei cittadini». Ha poi sottolineato l’importanza delle riforme approvate, dalla disciplina della crisi d’impresa e dell’insolvenza, alla legge in tema di anticorruzione. Il Ministro ha poi evidenziato il consistente incremento di risorse previsto dalla legge di bilancio «con l’obiettivo di sanare le carenze strutturali della macchina giustizia e intervenire sul problema dell’eccessiva durata dei processi».