POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

elezioni dei consigli | 07 Febbraio 2019

Montecitorio dà il via libera al decreto semplificazioni

di La Redazione

Con 275 voti favorevoli, 206 contrari e 27 astenuti, la Camera dei deputati ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione del d.l. semplificazioni. Sopravvive alla conversione la disposizione di interpretazione autentica che ovvia alle incertezze relative all’ineleggibilità degli avvocati che hanno già svolto due mandati esecutivi.  

È di questa mattina il sì di Montecitorio al decreto semplificazioni che supera l’ultimo importante scoglio con 275 voti favorevoli, 206 contrari e 27 astenuti. Ora non resta che attendere la pubblicazione in Gazzetta.

 

Salva la norma sulle elezioni forensi. Il disegno di legge di conversione del d.l. n. 135/2018, approvato in via definitiva dalla Camera dei deputati, contiene al suo interno molteplici novità. Tra queste vi è quelle relativa alle elezioni degli ordini forensi, per le quali viene confermata l’introduzione di una disposizione di interpretazione autentica volta a chiarire le incertezze applicative circa l’ineleggibilità degli avvocati che hanno già svolto due mandati consecutivi. La stessa disposizione, inoltre, prevede una proroga di 6 mesi per il rinnovo dei consigli degli ordini circondariali forensi scaduti il 31 dicembre 2018.
Il decreto semplificazioni tocca anche l’espropriazione forzata e prevede che tutti i debitori proprietari di case pignorate, e i familiari con loro conviventi, non perdano il possesso dell’immobile e delle sue pertinenze fino al decreto di trasferimento che conclude l’espropriazione forzata dell’immobile pignorato.
Una novità importante riguarda anche l’istituzione del Fondo di garanzia per piccole e medie imprese, dedicato proprio a quegli interventi di garanzia volti ad aiutare le pmi in difficoltà nella restituzione delle rate di finanziamenti già contratti con banche e intermediari finanziari e che sono titolari di crediti certificati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni.