POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 marzo 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

ultime dal cdm | 11 Gennaio 2019

Elezioni degli ordini forensi: il Governo concede una proroga

di La Redazione

Il Consiglio dei Ministri n. 37 ha approvato un decreto legge che concede una proroga di sei mesi per il rinnovo dei consigli degli organi di rappresentanza forense scaduti il 31 dicembre 2018. Il d.l. n. 2/2019 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'11 gennaio 2019, n. 9.

Proroga semestrale. Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 37 tenutasi il 10 gennaio 2019, ha approvato un decreto legge che introduce misure urgenti e indifferibili per fare in modo che i consigli degli ordini circondariali forensi, scaduti lo scorso 31 dicembre, si rinnovino senza incertezze applicative.
Per il rinnovo dei consiglio degli ordini di rappresentanza, è infatti stata concessa una proroga di sei mesi, cosicché le articolazioni territoriali possano svolgere serenamente le consultazioni.
La proroga semestrale concessa tramite il decreto legge dal Governo, tuttavia, non impedisce agli Ordini che hanno già dispongono di liste di candidati conformi al dettame della sentenza, di svolgere la consultazione elettorale nei tempi stabiliti.

 

Governo in linea con le Sezioni Unite. L’intervento del Governo è derivato dalle incertezze interpretative sorte nell’applicazione della legge n. 113/2017 che disciplina l’elezione dei membri dei consigli degli ordini circondariali forensi, prevedendo l’ineleggibilità degli avvocati che hanno già svolto due mandati consecutivi.
L’Esecutivo, nel fare chiarezza sulla questione, ha confermato quanto già sancito dalle Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza n. 32781/18 secondo la quale, ai fini del divieto di cumulo dei mandati, devono considerarsi anche i mandati i parzialmente svolti nonché quelli iniziati prima della riforma dell’ordinamento della professione forense del 2012.

 



Qui il d.l. 11 gennaio 2019, n. 2; in G.U. dell'11 gennaio 2019, n. 9