POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 12 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 06 Luglio 2018

Gli interessi moratori sulla parcella dell’avvocato maturano solo in seguito alla conclusione del procedimento di liquidazione

di Edoardo Valentino - Avvocato

In tema di liquidazione di diritti e onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione contenuta nel d.m. n. 238/1992, per la quale gli interessi di mora decorrono dal terzo mese successivo all’invio della parcella, non si applica in caso di controversia avente ad oggetto il compenso tra avvocato e cliente non potendo quest’ultimo essere ritenuto in mora prima della liquidazione delle somme dovute con l’ordinanza che conclude il procedimento ex art. 28 l. n. 794/1942.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 17655/18; depositata il 5 luglio)

E’ il principio ribadito dalla sentenza della Corte di Cassazione, n. 17655/18, depositata il 5 luglio. Il caso. Con ricorso per decreto ingiuntivo un avvocato domandava a un cliente il pagamento di una somma a titolo di spese legali, affermando...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.