POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

responsabilità medica | 28 Maggio 2018

Albi dei Periti e dei Consulenti dei Tribunali: firmato il protocollo tra CNF, CSM e FNOMCeO

Avvocati, Magistrati e Medici Chirurghi e Odontoiatri hanno firmato un protocollo d’intesa per l’armonizzazione a livello nazionale dei criteri e delle procedure di formazione degli albi dei periti e dei consulenti tecnici ex art. 15, l. n. 24/2017 (c.d. Legge Gelli). In particolare, il protocollo risponde all’esigenza di adottare parametri qualitativamente elevati per la tenuta e la revisione degli albi.

È stato firmato a Roma, lo scorso 24 maggio, il protocollo d’intesa tra CNF, CSM e FNOMCeO «per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione degli albi dei periti e dei consulenti tecnici ex art. 15, l. 8 marzo 2017, n. 24».

Parametri qualitativamente elevati. Il protocollo mira all’obiettivo di inserire negli albi professionisti con elevate competenze tecnico-scientifiche, in modo da supportare idoneamente i giudici nel loro lavoro di consulenza, secondo le previsioni della l. n. 24/2017 ed in funzione della responsabilità civile e penale degli esercenti le professioni sanitarie ivi prevista.
Tra le varie previsioni del protocollo, l’art. 6 propone di «indicare elementi di valutazione della speciale competenza» richiesta dai codici di rito quale requisito per l’iscrizione agli albi, oltre a quello dell’onorabilità.
All’art. 7 viene invece prevista la formazione di un fascicolo o una scheda personale all’atto di iscrizione o riconferma nel quale confluiscono tutte le informazioni relative all’iscritto e che sarà a disposizione di ogni magistrato attraverso un apposito software in modo da fornire un quadro informativo completo sulle competenze possedute dai vari iscritti.
«Prendo atto di un ulteriore passaggio nella collaborazione con il CSM sul continuo lavoro di sinergia che si realizza oggi anche con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri ai quali siamo accomunati dalla tutela di diritti fondamentali come il diritto alla salute e il diritto alla difesa». Lo ha dichiarato il Presidente CNF, Andrea Mascherin.

 



Qui il protocollo sottoscritto da CNF, CSM e FNOMCeO