POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 15 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 03 Maggio 2018

Cassa Forense approva il bilancio 2017

Cassa Forense rende nota, con un comunicato, l’approvazione del bilancio 2017, dal quale si evince un avanzo di esercizio pari a 915,2 milioni di euro e un patrimonio netto di oltre 11 miliardi di euro che, rispetto all’anno precedente, «registra un incremento di quasi 1 miliardo di euro».

Il bilancio. È stato approvato dal Comitato dei Delegati di Cassa Forense il bilancio relativo al 2017, il quale risulta caratterizzato da un avanzo di esercizio pari a 915,2 milioni di euro e un patrimonio netto di oltre 11 miliardi di euro, patrimonio incrementato di «quasi 1 miliardo di euro» rispetto al bilancio del 2016.
Riguardo alla gestione previdenziale, le entrate contributive del 2017 «sono state pari a 1678,3 milioni di euro (nel 2016 erano 1639,2)», mentre la spesa relativa alle pensioni «si attesta a 802 milioni di euro», in crescita dell’1,7% rispetto al precedente esercizio.

I trattamenti previdenziali. Positivi risultano essere altresì i dati inerenti ai trattamenti previdenziali erogati, i quali fanno registrate un incremento pari all’1,3% rispetto al 2016, laddove la spesa assistenziale, grazie al «nuovo modello di welfare attivo» e ad «un migliore utilizzo delle risorse disponibili per l’Assistenza», è stata di oltre 63 milioni di euro a fronte di uno stanziamento di 64 milioni.

Gli iscritti alla Cassa e reddito medio. Per quanto riguarda gli iscritti alla Cassa «nel 2017 erano 242.235, di cui 13.030 pensionati attivi», laddove le donne rappresentano mediamente il 48% degli iscritti nel 2017.
Relativamente al reddito professionale, la media registrata nel 2016 è di 38.437 euro. Tale dato è positivo poiché attesta un incremento dello 0,1% rispetto al 2015.
Invece, il reddito prodotto dalle donne avvocato risulta essere di circa 23.100 euro, mentre quello degli uomini avvocato è di circa 52.700 euro.

Cumulo contributivo gratuito e contributo integrativo minimo. Infine, la Cassa ricorda di aver «adottato i provvedimenti necessari per estendere ai propri iscritti l’istituto del cumulo contributivo gratuito» e «approvato l’abolizione temporanea del contributo integrativo minimo per il quinquennio 2018/2022, fermo restando il pagamento del 4% sul volume d’affari IVA in sede di autoliquidazione».