POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

amministrazione della giustizia | 10 Luglio 2017

Avvocati penalisti in sciopero nella giornata di martedì 18 luglio

La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane ha disposto, con la delibera del 4 luglio 2017, l’astensione dalle attività lavorative nella giornata di martedì 18 luglio 2017. Lo sciopero è la reazione della categoria all’approvazione della legge di riforma del codice penale e del codice di procedura penale.

Penalisti in sciopero. La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane, in seguito all’approvazione della legge di riforma del codice penale e del codice di procedura penale, ha deliberato l’astensione dalle attività lavorative per il 18 luglio 2017, organizzando una manifestazione nazionale nella stessa data a Salerno.
I penalisti lamentano che l’introduzione della nuova normativa vada ad intaccare il modello accusatorio e dell’equo processo, inoltre, ravvisano nell’accelerazione dell’iter legislativo del ddl n. 2134 di modifica del codice delle leggi antimafia e delle norme sulla «confisca allargata» un’irragionevole e pericolosa logica di espansione degli strumenti nati in un contesto emergenziale.
La categoria alla luce di tali osservazioni segnala, quindi, «la necessità di riportare urgentemente la materia della prevenzione e delle ablazioni del patrimonio nell’area di operatività dei principi del giusto processo, della legalità e della presunzione di innocenza».