POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 24 Marzo 2017

Dal buon padre di famiglia al giocatore d’azzardo

di Paolo Rosa - Avvocato

Nel mio articolo del 22 luglio 2016 ponevo questo problema: Se le Casse di previdenza sono amministrazioni pubbliche, possono investire i contributi previdenziali (che sono tributi) corrisposti obbligatoriamente dagli iscritti in asset rischiosi? O non piuttosto, come avviene nel caso della Social Security Administration (l'INPS degli USA) che da sempre ha un Trust Fund che investe solo in titoli speciali del Tesoro, dovrebbero limitarsi ad investire in titoli del debito pubblico italiano come avveniva prima del d.lgs. n. 509/94?

La mia domanda, ovviamente, è rimasta senza risposta ma nel frattempo il decreto, che ha da tempo concluso il suo iter formativo, nonostante le numerose assicurazioni, non è ancora stato inviato in Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione. Dichiarazioni...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.